L’Atletica 75 lascia il segno a Rimini, Medicina e Modena

[singlepic id=706 w=320 h=240 float=left]Intenso fine settimana tra ginnastica e atletica. Tanti giovanissimi si sono messi in luce in giro per la regione, alcuni dei quali hanno lasciato il segno. L’impronta rimasta più impressa è quella di Alessandro Temellini, fratello minore di Chiara, nostra ginnasta di lungo corso (ottimo gene sportivo di famiglia), che ha conquistato ben due titoli regionali (categoria Ragazzi – 1999/2000) nel giro di poche ore, spolverando una ottima tecnica nei 60 ostacoli e ammazzando la gara di salto in lungo con un primo tentativo eccellente. Le sue gesta fanno ben sperare per questa lunga stagione sportiva che culminerà con i Campionati Estivi di settembre. Passando alla ginnastica sono da registrare due debutti importanti, la cui attesa è stata resa più nervosa in seguito ai rinvii per il maltempo. A Rimini hanno gareggiato 5 delle piccolissime del futuro gruppo agonistico e a Medicina sono scese in campo 11 ragazze del corso di coreografia che, viste le spiccate qualità non solo artistiche, avevano i mezzi per tentare questa avventura. Ecco le cronache delle due giornate.

DA RIMINI

[singlepic id=708 w=320 h=240 float=center]

Sabato, ore 15. Lucia Magnani è l’unica cattolichina della categoria FGI L2. Esordire a questo livello federale senza il sostegno delle compagne durante le rotazioni non è stato facile ma Luci esibisce calma e determinazione. Buone prove agli attrezzi sporcate solamente dalla fisiologica emozione e soprattutto la tanto agognata trave da 1,25 mt di altezza è stata ben domata! Alle 18 è la volta di Penelope Lattanzio, Lucrezia Saioni, Giulia Franca e Giorgia Castaldo nella categoria FGI L1. Alla prima chiamata del giudice la tensione era talmente alta che le bimbe hanno pasticciato il rituale del saluto! Qualche piccolo errore si è visto ma è stata la prima volta che sono riuscite a completare tutti gli elementi mai eseguiti in allenamento. A fine gara un sospiro di sollievo e “ce l’abbiamo fatta” la frase pronunciata in coro.

DA MEDICINA (BO)

[singlepic id=694 w=320 h=240 float=center]

Erica Brunetti, Janel Amoah, Giulia Giuliani, Giulia Gabellini, Gaia Zanca, Angelica Fanelli, Sofia Tenti, Sofia Antonelli, Alice Denti, Elisa Simeone e Alice Linari, queste le ragazze che hanno indossato il body da gara e hanno battagliato nella prova promozionale di specialità UISP. Ben 69 iscritte nella categoria 3^ Senior e 50 nella 4^ Senior, alcune delle quali ginnaste già qualificate ai Campionati Nazionali e quindi non alle prime armi (il livello della manifestazione quindi sale notevolmente). Il nostro miglior piazzamento è stato di Erica, seconda al corpo libero, poi il quinto posto di Giulia Gabellini sempre al corpo libero e Giulia Giuliani quinta alla trave. Una medaglia anche per Alice che ottiene la decima posizione al corpo libero (4^ categoria). Lo spirito di gruppo è stato il marchio di fabbrica, enorme valore di fondo specie nelle discipline individuali.

DA MODENA

[singlepic id=705 w=320 h=240 float=center]

Partenza ore 10 per la nutrita rappresentanza dell’atletica provinciale (infatti la trasferta ha visto diverse squadre della nostra zona unirsi, come del resto in tante altre occasioni, alla volta di Modena). Il gruppo biancazzurro purtroppo era orfano di diversi elementi ma gli irriducibili Alessandro Temellini, Marco Paci e Luca Torresan hanno tenuto alto il morale di tutta la spedizione romagnola. L’inizio è con il botto. Alessandro vince la quarta batteria dei 60 hs con 9″19 e un’ora dopo domina la finale con 9″07 regolando il secondo classificato di ben 3 decimi e mezzo! Marco non è da meno e giunge terzo nella decima tornata dei 60 piani; il crono di 9″84 è uno dei suoi migliori tempi di sempre. Il trio si sposta sulla pedana del lungo dove le cose si chiariscono immediatamente. Alessandro piazza il balzo vincente da 4,87 alla prima prova. Luca sorprende con 3,78 e 3,75 in due bei salti fotocopia mentre il terzo è inferiore. Dopo le buone cose della velocità Marco pasticcia con la rincorsa e non va oltre i 2,85.