La pioggia non ferma le prove multiple

[singlepic id=707 w=320 h=240 float=left]Nonostante le previsioni non promettessero nulla di buono la prima uscita primaverile si è risolta nel migliore dei modi. Il calendario riminese ha visto protagoniste le prove multiple giovanili a Santarcangelo di Romagna (RN) mercoledì 4 aprile scorso. Corse, lanci e salti il menù atletico di giornata per i ragazzi delle categorie maschili e femminili nati negli anni 1999-2000. Questa disciplina per atleti poliedrici e instancabili prevede 4 prove diverse al termine delle quali risulta vincente il punteggio maggiore; nulla conta quindi il piazzamento della singola gara ma l’ottima riuscita in tutto il poker.

Vittoria di misura di Alessandro Temellini (al centro nella foto) che, nel Tetrathlon B (60 ostacoli – salto in lungo – lancio del vortex – 600 metri), segna 2450 punti lasciando a più di 100 lunghezze il secondo e il terzo classificato; è stata una lotta dura per Ale che ha dovuto reagire a buone prove dei due atleti della squadra di casa (Atletica Rimini Nord) soprattutto al fantastico 58 metri nel vortex di Nathan Sapigni! Una gran volata negli ostacoli e un bel balzo nel lungo gli hanno regalato però il successo finale. Con lui Vasco D’Ubaldi alla prima esperienza in questa tipologia di gare. Marciatore in erba, Vasco ha saputo tenere duro fino alla fine onorando i nostri colori.

Nel Tetrathlon A, il secondo quartetto di gare composte dai 60 piani, dal salto in alto, dal getto del peso e dai 600 metri, Filippo Simoncelli si supera in quasi tutte le gare e finisce terzo nella classifica generale con 1691 punti. Da segnalare il notevole progresso nel salto in alto rispetto al 2011, l’1,28 portato a 1,37! L’altro compagno Marco Paci giunge settimo con 1155 trascinando il gruppo con entusiasmo e voglia di fare; distintosi nelle prove di corsa campestre nel novembre scorso, Marco si sta migliorando anche nelle discipline più tecniche.

La classifica a squadre ha visto vincitori i colori di Santarcangelo davanti all’Atletica 75 orfana oggi di un altro asso come Luca Torresan, il quale avrebbe portato il suo prezioso contributo e dato battaglia per la prima piazza.

Infine, ma non in ordine di importanza, l’unica femmina cattolichina è stata Valentina Albertini che ha saputo tenere testa alle avversarie agguerritissime e strappare un valoroso quarto posto con 1349 a soli 30 punti dal podio, davvero un nulla. Bella la sua prova sui temuti ostacoli.