Il buon auspicio per il 2013

Un altro anno di sport ci ha lasciati ma altri dodici mesi ci attendono con fermento. Il 2012 è stato un anno di successi, di disfatte, di pianti, di sorrisi, così è l’attività sportiva. Tanti bambini hanno conosciuto il fascino dell’atletica leggera e della ginnastica artistica, altri ci hanno lasciati per nuove esperienze, parecchi continuano con il loro entusiasmo a calcare strade, piste e pedane.

La ginnastica artistica ha visto protagoniste le nostre ragazze nelle palestre di tutta la regione e in ambito nazionale. I livelli raggiunti sono davvero incoraggianti per tutte le categorie (serie B e serie C nazionali della FGI, Uisp regionale e nazionale), ciascun gruppo ha trovato lo spazio entro cui esprimersi e trovare quelle soddisfazioni che sono il cibo prediletto per andare avanti in modo semplice ma di qualità. L’anno olimpico è stato un anno intenso anche dal punto di vista organizzativo: le due fasi regionali Uisp ospitate tra febbraio e aprile e l’ambito Campionato Nazionale Uisp di giugno sono stati i fiori all’occhiello del gruppo di lavoro della nostra società che, con grande umiltà e competenza, ha dimostrato di voler imparare a gestire la ginnastica dentro e fuori dai campi di gara con risultati eccellenti.

L’atletica leggera ha portato alla ribalta giovani davvero interessanti soprattutto nelle categorie giovanili (ragazzi, cadetti, allievi). Corridori, saltatori e lanciatori si sono distinti prima di tutto nelle sentite competizioni a squadre (campionati di società – ndr) ottenendo buoni piazzamenti alle finali regionali (insperate ad inizio anno) ed inoltre a titolo individuale fin tanto che alcuni di loro hanno risposto alle convocazioni regionali e nazionali per raduni e rappresentative, punto di partenza in vista dell’eccellenza. Il gruppo di tecnici e dirigenti societari ha messo in piedi, oltre ai già citati eventi di ginnastica, anche manifestazioni provinciali e regionali della “regina degli sport”, momenti necessari e utili per farsi incitare dai propri amici e familiari, quello che nel calcio si chiama “giocare in casa”.

Il nodo fondamentale rimane sempre l’attività promozionale e sociale di tutte le nostre sezioni, attività quotidiana che esce dai canoni tecnici classici e tenta di dare vita ad una visione dello sport aperta a tutti. Lezioni aperte ai genitori, giornate di giochi, festa di Carnevale, partecipazione ad eventi promozionali, questi alcuni dei momenti vissuti. Come non ricordare poi il consueto e appassionante saggio di Natale appena trascorso.

Da ultimo (ma non per ordine di importanza) è doveroso ricordare il nostro settore podismo, insieme di persone appassionate della corsa che si mettono in gioco (nel vero senso della parola) ogni domenica sugli asfalti di tutta la penisola, sia come atleti, sia come tifosi, sia come promotori. L’augurio di un fantastico 2013 parte proprio da loro con il propizio “Bagno del 1^ gennaio” nelle fresche acque cattolichine dell’Adriatico, ormai decennale appuntamento che taglia il nastro per altri stupendi 365 giorni.

Auguri a tutti gli amici e sostenitori.