Campionati Regionali Individuali Prove Multiple

[singlepic id=903 w=320 h=240 float=left]Ferrara, campo “scuola” di Via Porta Catena. Domenica torrida è stata quella del 23 giugno che ha messo a dura prova il livello di sopportazione al calore di atleti e tecnici. Nessuno però si è lasciato intimidire e infatti si sono viste prestazioni esaltanti dei giovani della nostra regione e in particolare grossi miglioramenti dei ragazzi dell’Atletica 75. Tra le ragazze da segnalare il forte progresso di Michela Massari nei 60 piani con 8″42, record sociale di categoria, il 9,67 di Giorgia Federici nel peso 2 kg che sgretola il suo precedente risultato, il buon 26,32 di Valentina Albertini nel vortex, il bel 10″60 di un’altra Valentina (D’Altilia) nei 60 HS. Nella classifica finale del Tetrathlon si piazza all’undicesimo posto Michela Massari con 2371, più indietro le sue compagne.

Categoria Cadetti. Ritocca il suo personale nel Pentathlon (una gara in più rispetto ai Ragazzi) Alessandro Temellini e lo fissa a 2735. Livelli alti dei primi sei concorrenti (il sesto è stato proprio Ale) che hanno dato vita ad una gara entusiasmante. Alessandro ha battagliato fino all’ultimo e ha messo a segno un buon 6,02 nel lungo che gli è valsa la vittoria nella singola gara davanti anche al leader Brini Michele e un incoraggiante 14″95 sui 100 HS. Ostacoli di cui è stato protagonista Enrico Pani (in corsia esterna a sinistra nella foto), finalmente sbloccatosi nella sua gara preferita che gli ha permesso, poco tempo fa, di partecipare anche alla finale dei Campionati Studenteschi di Roma di inizio giugno. Primato personale di 14″71 (record sociale). Il terzo “gladiatore romagnolo” era Filippo Simoncelli che nel suo salto in alto ha dimostrato di essere costante a buoni livelli; 1,55 al secondo assalto e 1,58 sbagliato di poco. Nel resoconto generale 6^ posto per Ale, 19^ per Enrico e 25^ per Filippo.

Ottimi riscontri anche per la loro mentore, Elena Cerri, che si è detta soddisfatta della prova di tutti considerando che i maschi sono al primo anno di categoria e già dimostrano di essere alla pari con gli atleti di un anno più grandi, nelle prove combinate e nelle singole discipline, e il gruppo affiatato di femmine sta lavorando bene in vista del passaggio di categoria nel 2014.