Ginnastica e atletica sugli scudi

[singlepic id=831 w= h= float=left]La “maestra Federica” si è divisa in due. Il 5 aprile scorso è salita fino a Traversetolo (PR) con lo storico gruppo (ribattezzato Trio delle Meraviglie) composto da Virginia, Giulia e Alice per la canonica prova regionale UISP. Giornata in chiaro scuro specie per Virginia che ha pasticciato un pò troppo mentre Giulia ha rispolverato una bella forma. Alice si è confermata su suoi livelli di sempre. “Trasferta lunga e faticosa quella parmense ma con loro ne vale sempre la pena” sono le parole semplici ma incisive di Federica che racchiudono significati che vanno oltre i valori tecnici.

Il 30 marzo era apparsa nel bolognese (a Pianoro) insieme alla sua compagine più numerosa per tentare di migliorare i punteggi della gara precedente, il Trofeo Emilia Romagna. Corpi liberi puliti, volteggi decisi, parallele impegnative e travi concitate sono la cronaca delle esibizioni delle nostre ginnaste. Quattro attrezzi che mettono sempre a dura prova le qualità tecniche e mentali di qualsiasi atleta; non importa quale esercizio sia stato preparato, come sia stato eseguito alla perfezione in allenamento, quando ci si confronta con le tensioni di gara è tutta un’altra storia. Chiara, Alessia, Virginia, Catia, Giulia, Margherita e Francesca hanno reagito abbastanza bene alle chiamate solenni dei giudici ma le imperfezioni si sono viste. Bilancio comunque positivo che rincuora in vista dei prossimi appuntamenti.

Santarcangelo di Romagna (12 aprile) è stata la sede della prima vera manifestazione della stagione outdoor dell’atletica leggera, la prima verifica del lavoro fisico e tecnico dei due mesi appena trascorsi. Si è cominciato con le prove multiple provinciali (Tetrathlon per i Ragazzi/e e Pentathlon per Cadetti/e), evento composto da prove combinate anche molto diverse tra loro per natura, dai salti ai lanci passando per gli ostacoli e la temuta prova di resistenza finale. Tutto secondo pronostico per i nostri “gladiatori”, maschi e femmine hanno tenuto una buona media di punteggio in tutte le gare ed hanno ottenuto risultati soddisfacenti, i loro visi stanchi ma soddisfatti sono stati la cartina di tornasole. Podi per Michela Massari, Alessandro Temellini, splendida gara di Aguzzi Gloria e ottima rivelazione quella del trio Mattia Bonopera, Mattia Lenti e Matteo Bacchini. Ciliegina sulla torta il titolo di squadra Cadetti (Temellini – Pani – Battistelli – Simoncelli), strappato ai padroni di casa dell’Atletica Rimini Nord all’ultima gara. Fair paly come di consueto tra le casacche delle varie squadre presenti: abbracci, pacche sulle spalle, foto di rito (e anche crampi condivisi!) sono un bel segnale che testimonia il “terzo tempo” dell’atletica, delle prove multiple soprattutto!