Centomila, nessuno, uno !!!

[singlepic id=970 w= h= float=left]Non si pensi al tenebroso romanzo di Pirandello, anzi, la nostra storia è stata scritta in modo esaltante! In centomila infatti (tutti noi) abbiamo incrociato le dita e tifato “Jessica” che, sabato 13 dicembre, era impegnata a Civitavecchia nella finale nazionale del Campionato di Categoria…quello che in atletica si chiama Campionato Italiano ovvero la massima manifestazione federale entro i nostri confini. Impresa ardua quella di arrivare fra le prime otto ma Jessica ci è andata molto vicino finendo 15^ nella classifica finale. Risultato questo di estremo valore. Partita con una buona trave, l’aspetto da sottolineare è stato il fatto che la gara è proseguita “in crescendo”; corpo libero e volteggio eseguiti a puntino per finire con ottime parallele.

Per un atleta di qualsiasi sport risalire la classifica in una competizione è sintomo di sicurezza nei propri mezzi e di sangue freddo, lottare passo dopo passo senza prostrarsi all’avversario significa comprendere che, alla fine, lui, ha le nostre stesse tensioni, i timori, la paura di sbagliare prima di tutto con sé stesso. E occorre provarci fino in fondo. Così ha fatto Jessica. Nessuno ha mai dubitato delle sue qualità e già il fatto di aver conquistato la qualificazione era un bel sogno ad occhi aperti. Sogno che si è realizzato alla fine.

Ogni gara ha poi qualcosa da esternare, di qualsiasi livello si tratti. Jessica ci ha dimostrato come attraverso la passione sua, dei genitori, di Vania, di Sergio ci si possa ricavare un posticino tra le “big” dell’artistica nonostante le difficoltà settimanali. Lei sa che senza sua sorella in campo gara a sostenerla da vicino forse sarebbe stato diverso, meno magico…essere gemelle vorrà pur dire qualcosa.

Il body biancazzurro di Jessica a Civitavecchia è come se fosse stato indossato da tutta la società al completo, quindi taglia extra large! Per l’ennesima volta ci siamo fatti un tutt’ uno e abbiamo goduto di una storia a lieto fine. Continuiamo così e ce ne saranno altre ancora.