I nostri giovani ad Ancona

[singlepic id=991 w= h= float=left]Se da un lato gli allievi e gli assoluti macinano allenamenti e competizioni secondo un calendario ben pianificato e condiviso, i più giovani (ragazzi e cadetti) hanno ritmi molto diversi. Il lavoro di apprendimento tecnico e di crescita fisica in genere ha la priorità assoluta ma c’è spazio anche per divertirsi, confrontarsi, mettersi in gioco in eventi agonistici, il contesto che tutti vogliono provare. E così deve essere. Gli appuntamenti finora disputati sono state tre trasferte ad Ancona, il solito bel palcoscenico dell’atletica nazionale.

Il primo week end (domenica 18 gennaio) moltissimi alla prima esperienza. Velocità, triplo, lungo e peso le discipline sperimentate con incoraggianti risultati. Bonopera Mattia 8.37 nel triplo, Bacchini Matteo 8″81 nei 60 piani e 8.90 nel triplo, Melchiorri Nicole 10″01 nella velocità e 2.60 nel lungo, Ambrosi Martina 10″74 velocità e 2.66 nel lungo e Boga Viola rispettivamente 11″43 e 3.17. Ancora Lenti Mattia buon 3.19 nel lungo. Nel getto del peso il trio Bacchini Vittoria 8.16, Maltoni Olivia 7.83 e Aguzzi Gloria 7.61.

 

Nella seconda, domenica 25 gennaio, solo quattro cadette hanno allacciato ben strette le loro scarpe chiodate per cimentarsi nel salto in lungo e nel salto con l’asta. Michela Massari e Valentina Albertini si sono ben comportate nel lungo dove Vale ha quasi fatto il record personale (4,04 mt) con sufficiente maestria tecnica mentre Michi ha dimostrato ancora qualche difetto nella parte finale della rincorsa che, se registrato meglio, darà effetti sorprendenti. 4,56 la misura definitiva di giornata. Nel salto con l’asta le cose più insperate. La sera della vigilia Valentina d’Altilia ha dovuto rinunciare causa febbre e ha lasciato sola la sua compagna Cecilia Zaurrini. Ceci, anche musicista appassionata, non si è fatta intimorire dalla concorrenza della forte pugliese e, con grande carattere, ha sfoderato bei salti che le sono valsi la misura di 2 metri. Il valore non è assoluto ma per lei è una grossa conquista…ha compreso finalmente che può andare avanti senza timori. Bravissima.