Cattolica ancora protagonista della ginnastica UISP

[singlepic id=1139 w= h= float=left]Una due giorni intensa come sempre. Giurie, segreteria, volontari, amici e parenti tutti impegnati con passione (ma anche un pizzico di fisiologica stanchezza) nell’organizzazione dei Campionati Regionali UISP 2017 delle cosiddette “categorie basse” in gergo. Numeri altissimi per ciascun turno di gara con prove serrate agli attrezzi, sbavature e pulizia, determinazione e timore, vittorie e sconfitte. Tutto ciò che è normale vedere su un campo di gara di qualsiasi disciplina sportiva. Le nostre portacolori erano Margherita Facondini, Chiara Leardini e poi un quartetto di piccoline con Giulia Pierro, Agata Conti, Gigliola Bizzocchi e Federica Arcieri.

Compagne di allenamenti e amiche al di fuori della palestra, Chiara e Megghi sabato hanno dominato la scena con brillanti prove su tutti gli attrezzi. Si sono dimostrate precise e grintose con la stessa sicurezza di chi ormai è del mestiere. La trave non è amica di nessuno e si è visto con cadute di troppo ma il risultato lo hanno portato a casa comunque; infatti la classifica è stata stilata come prevede il regolamento: i 3 migliori attrezzi scelti sui 5 disponibili. Chiara: 1^ a trave, 1^ al corpo libero e 3^ al volteggio. Megghi: 2^ al volteggio, 2^ a trave e 2^ al corpo libero. Come si dice massima resa!!! 

Tra le piccoline si distingue Giulia che finisce 5^ nella classifica generale e vince il volteggio. Le altre compagne hanno fatto del loro meglio, si sono sostenute a vicenda e la concentrazione è stata più alta rispetto alla gara precedente. Il sorriso di Gigliola, il simpatico “rosso” di Agata e le espressioni di Federica hanno emozionato il pubblico come c’era da aspettarsi. Sono coinvolgenti e hanno fatto dei passetti tecnici in avanti.

Facondini e Leradini erano iscritte anche domenica a Rimini in una gara di Federazione (LB Silver). Non contente forse della prova UISP di sabato hanno accettato una nuova sfida. Due gare in due giorni mettono duramente alla prova i nervi ma esame superato alla grandissima. Tante ginnaste sullo stesso livello dunque rischio altissimo, rischio di finire dalle stelle alle stalle con una minima sbavatura. Hanno retto alla pressione: Megghi vince la gara con Chiara in nona piazza. Felicità immensa!!!

A luci spente, questi due giorni di ginnastica ci hanno dato una grande lezione, le bimbe ci “fanno soffrire e battere il cuore a mille, a volte ci si arrabbia ma la loro emozione è la nostra”. Linfa vitale nello sport.